esumazioni

L’esumazione è quella pratica che permette di riportare alla luce un defunto sepolto nel terreno (inumazione), dopo un determinato periodo di tempo, per consentirne di recuperare i resti in una cassetta ossario.
Questo periodo di tempo è stabilito per legge e non è inferiore ai 10 anni.
Le esumazioni si possono dividere in due categorie, quelle definite ordinarie e quelle straordinarie.

Le prime sono disposte dal comune tramite avvisi collocati direttamente sui campi, all'ingresso dei cimiteri, nelle sedi dei Municipi, con pubbliche affissioni.
Il cittadino interessato ad effettuare l'esumazione di un proprio caro può rivolgersi all'Ispettorato Cimiteriale competente o alla propria agenzia di fiducia che, provvederà a espletare tutte le pratiche necessarie.
Le salme che, al momento dell'esumazione, non risultino mineralizzate, permangono nella stessa fossa o sono traslate in un altro campo; in alternativa, se lo richiede il coniuge o, in mancanza di questi, il parente più prossimo, si può procedere alla cremazione.

Le seconde, invece, prevedono l'esumazione della salma prima dei tempi stabiliti dalla legge, previa richiesta presso il comune di appartenenza del cimitero.

Per entrare nello specifico per quel che concerne i cimiteri nel comune di Roma (Flaminio, Verano, San Vittorino, Laurentino, Ostia Antica, Ponte Galeria), circa 10 giorni prima, l'ispettorato del cimitero comunica al diretto interessato o all'agenzia incaricata il giorno in cui avverrà l'esumazione.

 

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *